Smart Services

[G4-EC7], [G4-EC8] Nell’ambito dei servizi indirizzati al settore pubblico, in conformità all’ADI (Agenda Digitale Italiana) e alle Direttive europee, nel 2015 Telecom Italia ha consolidato e razionalizzato l’offerta degli Smart Services (famiglia di servizi che cura l’efficienza energetica e i servizi digitali della città), dell’Urban Security (i nuovi servizi dedicati alla sicurezza, all’ambiente, alla gestione ottimale dell’energia) e della Scuola Digitale. L’obiettivo è promuovere il modello di “città intelligente” (Smart City) per il miglioramento della qualità della vita attraverso lo sviluppo di servizi digitali innovativi che traghettino i Comuni verso un modello di Smart Community (come indicato dall’Agenda Digitale), in grado di abilitare nuove forme di collaborazione tra cittadini e amministratori pubblici.

   

LIGTHING SUITESMART BUILDINGNUVOLA IT ENERGREENNUVOLA IT URBAN SECURITYNUVOLA IT SCUOLA DIGITALE

Gestione integrata delle reti infrastrutturali del territorio e costruzione degli ambienti Smart City. Servizi abilitati:

  • pianificazione dei consumi di energia elettrica e manutenzione. Il risparmio energetico è stimabile in un range tra il 15% (illuminazione prodotta con lampade ad alta efficienza, p.e. a LED) ed oltre il 30% nel caso di illuminazione prodotta attraverso lampade di vecchio tipo (p.e. a vapori di sodio o incandescenza). A questi valori va aggiunta la possibilità di modulare l’illuminazione accendendo e/o riducendo l’intensità luminosa del singolo lampione;
  • videosorveglianza;
  • comunicazione digitale con i cittadini e i fruitori in genere (es. i turisti); 
  • hot spot Wi-Fi (accesso alla banda larga).

Gestione intelligente e automazione degli edifici grazie a soluzioni ad hoc implementabili su progetto tramite le componenti delle offerte Lighting Suite e Nuvola It Energreen.

Il risparmio energetico è stimabile in circa il 10%, in relazione alla sola implementazione di funzionalità di Metering & Reporting, per arrivare oltre il 50% per specifici progetti di efficientamento.

Gestione remota dei consumi energetici, implementata su asset e servizi di Telecom Italia, finalizzata al risparmio energetico.

Servizi abilitati:

  • audit energetico on site (analisi on site per l’efficienza energetica);
  • Metering & Reporting; 
  • Efficiency strategy (reportistica avanzata e servizi di consulenza di Energy Management); 
  • Energy Cost Management Services;
  • Special Project: interventi ad hoc di efficientamento.

Gestione della sicurezza partecipata e controllo del territorio urbano. Servizi abilitati:

  • gestione informatizzata del processo di attività sanzionatoria relativa al Codice della Strada (CdS) ed Extra CdS per la Pubblica Amministrazione Locale;
  • gestione partecipata delle problematiche urbane, con segnalazione dei fenomeni di sicurezza, inciviltà e degrado urbano; 
  • monitoraggio territoriale ed ambientale in tempo reale, rivolto al contesto urbano e naturale delle città (umidità, temperatura, inquinamento acustico, C02, gas inquinanti, ecc.); 
  • monitoraggio dell’occupazione dei parcheggi su suolo pubblico.

Gestione digitale integrata della didattica e dell’amministrazione della scuola. L’offerta è configurabile secondo le esigenze degli istituti scolastici e comprende una gamma di servizi integrati ma modulari, accessibili attraverso un unico portale- vetrina.

Servizi abilitati:

  • infrastruttura abilitante (connettività fissa inter- net, Wi-Fi & security); 
  • servizi gestionali per la scuola (gestione amministrativa, Registro Elettronico cloud);
  • servizi di didattica digitale (applicativo integrato con store e-book scolastici;
  • device (per user e per classe).
   

Per quanto attiene l’innovazione di business, Telecom Italia punta ad integrare la propria offerta di connettività con nuovi servizi innovativi che soddisfino i nuovi bisogni digitali del cliente.

L’innovazione del business arricchisce quella “tradizionale” di Ricerca e Sviluppo sia sviluppando internamente, tramite l’Innovation Center, percorsi di prototipazione e sperimentazione di soluzioni basate sulla profonda comprensione e soddisfazione dei nuovi bisogni di servizi digitali, sia aprendosi a sorgenti di idee esterne che contribuiscano alla costruzione di un modello di open innovation fondato su un prezioso reticolo di presidi (Joint Open Lab, TIM#Wcap, Tim Ventures, Foundry, Partnerships, etc.).

In tale contesto, Telecom Italia sta presidiando i differenti filoni dei servizi digitali, ovvero Enriched Communication, Trusted        

Digital Life, Business Life, Indoor Life, Mobile Open Life, Digital Entertainment, Big Data; di seguito sono riassunti alcuni dei principali progetti che Telecom Italia ha sviluppato o sta sviluppando in tali ambiti:

  • Smart Green: si tratta della valutazione di progetti di innovazione legati all’ambiente e a potenziali partnership con la Pubblica Amministrazione per il monitoraggio dell’aria negli uffici pubblici e nelle aree urbane tramite rete di sensori connessi al Cloud Telecom Italia.
  • Social reading:  nell’ambito di questo tema, all’app di lettura condivisa per la scuola, già sperimentata da diversi istituti scolastici sul territorio nazionale, è stata sviluppata e affiancata una soluzione di lettura condivisa per le biblioteche italiane, data in licenza ad un partner specializzato, che permette di commentare e condividere l’esperienza di lettura del libro preso in prestito con gli altri che lo hanno già letto o che lo leggeranno. Anche la soluzione per le biblioteche prevede una serie di impostazioni che agevolano la lettura da parte dei lettori con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).
  • Soluzioni per la “buona scuola”: nell’ambito della collaborazione tra il JOL di Torino di Telecom Italia e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte si è concluso il primo corso di formazione per professori delle scuole medie superiori al fine di educarli all’utilizzo del framework Open Source ROS (Robot Operating System), il framework “standard de facto” per la scrittura di applicazioni robotiche “hardware independent”.
  • Turismo digitale 2.0: “Virgil, robot a corte” è un progetto per la valorizzazione del Cultural Heritage realizzato da: JOL di Torino, Direzione Regionale Beni Culturali per il Piemonte, Polo Museale e la collaborazione del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. L’obiettivo del progetto è fornire alla guida museale uno strumento digitale che le permetta di mostrare al visitatore parti del bene altrimenti inaccessibili per svariate problematiche (sicurezza, lavori, indisponibilità di mezzi per disabili, ecc.) e, soprattutto, ponga tale ambiente al centro di un network di siti turistici interconnessi grazie alla rete dati di Telecom Italia.
  • Smart Home: nell’ambito del JOL di Milano, in collaborazione con il Politecnico di Milano, si stanno sperimentando nuove tecnologie e servizi per i futuri smart space. Negli smart space le tecnologie internet, le connessioni wireless di prossimità (Bluetooth Low Energy, Wi-Fi Direct, ecc.) e gli oggetti smart e wearable (smart screen, smart glass, smart watch, ecc.) vengono studiati ed utilizzati per creare nuove modalità di interazione e comunicazione tra le persone, gli oggetti e gli stessi spazi fisici. In particolare nel progetto finanziato EIT Digital P3S “Playful Supervised Smart Spaces”, è stato realizzato uno smart space per bambini con speciali esigenze terapeutiche (es: affetti da sindrome autistica) sperimentato presso due centri specializzati. Telecom Italia sta investendo grazie alle attività svolte nei Joint Open Lab, nella progettazione e sperimentazione di soluzioni di telepresenza robotica, robot cioè che possono essere telecontrollati da remoto permettendo così alla persona di assistere ad un evento ed interagire con le persone presenti.
  • Friend TV (Innovation center): è proseguita la presenza sugli app store di Apple e di Android delle ultime versioni di FriendTV per smartphone e tablet, inizialmente pubblicate ad inizio 2014. FriendTV è una guida per i principali canali televisivi, fortemente integrata con i social media, che permette di partecipare in tempo reale ai programmi più commentati in rete. La piattaforma ARTES, creata dai laboratori Telecom Italia di Strategy & Innovation a Torino, permette di creare app di realtà aumentata in tempi molto brevi e offre a chi crea i contenuti un’interfaccia per arricchirli e modificarli senza ricorrere agli sviluppatori.
  • Big  Data:  su questo argomento Telecom Italiaha avviato un percorso evolutivo fondato su diversi “cantieri” progettuali all’interno dei quali sono state avviate diverse iniziative nel corso del 2015 che si sono concluse con lo sviluppo delle prime applicazioni ‘interne’ (volte a migliorare la customer experience), il lancio dei primi servizi per il mercato business su dati anonimi (con l’offerta “Data Visual Insights” di mappe di presenza e mobilità per segmento di interesse e periodo di riferimento) e i primi progetti volti a far crescere l’ecosistema di partners (contest “TIM BD Challenge”) ed arricchire le competenze interne (formazione tramite Master Big Data TIM). Il filone Big Data è stato anche oggetto di attività da parte dei Joint Open Lab. Dopo il successo dell’esperienza del Mobile Territorial Lab1 , il JOL di Trento di Telecom Italia ha sviluppato il progetto LivLab, una nuova istanza di living lab su un altro territorio facendo leva sulle competenze acquisite e lesson learned.

My Data Store, un esempio di personal data store che è entrato tra i top reference case del World Economic Forum2, è stato arricchito di nuovi “data connector” che consentono la gestione trasparente anche dei dati personali di tipo social.

Il JOL, in collaborazione con le Istituzioni locali del territorio trentino, sta sperimentando soluzioni avanzate di servizi al cittadino basate su dati personali.Un esempio è Familink, il servizio di condivisione di opportunità per famiglie sul territorio trentino destinato a community trusted iperlocali. Il servizio è stato testato con successo dall’Agenzia provinciale per la famiglia, natalità e politiche familiari della Provincia Autonoma di Trento con le famiglie appartenenti a 3 grandi associazioni di genitori attive sul territorio. Tra le iniziative di Open Innovation da citare la seconda edizione del Telecom Italia Big Data Challenge3, che ha richiamato oltre 1.000 partecipanti da tutto il mondo a confrontarsi sulla creazione di progetti smart city che usino ingenti volumi di dati geo-referenziati.

  • Smart city app  - expo 2015: Milano ha sviluppato il tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” a partire dalla creazione di una Digital Smart City, attraverso la quale tutti i partecipanti hanno avuto a disposizione le tecnologie più innovative capaci di arricchire l’esperienza legata alla visita. Telecom Italia ha sviluppato e sperimentato l’intera filiera dell’ICT, che ha richiesto l’impiego di risorse dedicate ad elevato standard tecnologico. Applicando le metriche del modello di CSV il contributo generato4 dagli investimenti di Telecom Italia in termini di infrastutture di banda ultralarga realizzate presso il sito espositivo, nel prossimo futuro disponibili per i progetti inerenti l’area, è pari a 2,5 milioni di euro. Oltre alle risorse interne dedicate al progetto (circa 500 risorse), l’occupazione generata presso i fornitori di beni e servizi vari forniti in ambito progettuale è stimato in circa 250 unità e il contributo economico indiretto di Telecom Italia può essere valutato in circa 6,5 milioni di euro.

1 www.mobileterritoriallab.eu

2http://www3.weforum.org/docs/WEF_IT_UnlockingValuePersonalData_CollectionUsage_Report_2013.pdf

3www.telecomitalia.com/bigdatachallenge

4 Per ulteriori dettagli si rimanda alla scheda CSV Expo 2015.