Indicatore di eco-efficienza

[G4-EN5]  Il Gruppo misura la propria efficienza energetica mediante un indicatore che mette in relazione il servizio offerto alla clientela, in termini di bit trasmessi, con l’impatto sull’ambiente rappresentato dai joule di energia consumati. Vengono presi in considerazione i valori di traffico dati e voce da rete fissa/mobile e i consumi energetici industriali (per uso trasmissivo e di condizionamento delle centrali), civili (energia elettrica per uso ufficio, condizionamento e riscaldamento sedi) e i consumi per autotrazione. I grafici che seguono mostrano l’andamento dell’indicatore di eco-efficienza negli ultimi tre anni per le BU Domestic e Brasile.

indicatore-di-eco-efficienza-bu-domestic

NeI 2015 il valore dell’indicatore calcolato per la BU Domestic è risultato pari a 4.707 bit/joule, in crescita di circa 33 pp rispetto al 2014 e di oltre 66 pp rispetto a 2013. L’impegno prosegue con la definizione per il 2016 di un obiettivo di 5.300 bit/joule, pari ad un incremento di 12 pp rispetto al dato 2015 (cfr. Obiettivi 2016 in Appendice).

indicatore-di-eco-efficienza-bu-brasile.

Anche l’indicatore di eco-efficienza calcolato per il Brasile mostra un continuo miglioramento nel tempo: nel 2015 è cresciuto del 42% rispetto al 2014 e del 58% rispetto al 2013, e ciò è dovuto ad un considerevole aumento del traffico dati nel corso dell’ultimo anno che non ha comportato un corrispondente aumento del consumo di energia elettrica grazie all’efficienza della rete.

I valori degli indicatori calcolati rispettivamente per l’Italia e il Brasile non sono peraltro confrontabili direttamente in quanto le due realtà sono molto diverse dal punto di vista operativo e ambientale: per esempio in Brasile il traffico è prevalentemente da rete mobile, e come già menzionato non vengono utilizzati combustibili per riscaldamento date le particolari condizioni climatiche.